L’Italia ha perso il 28% delle terre coltivate nell’arco di una sola generazione

«La superficie agricola utilizzabile in Italia negli ultimi 25 anni si è ridotta ad appena 12,8 milioni di ettari. Colpa di un modello di sviluppo sbagliato». Parola di Coldiretti.

Il tempo stimato per la lettura di questo articolo è 2 minuti

In occasione della Giornata mondiale della desertificazione e della siccità istituita dall’Onu e dedicata quest’anno al macrotema “Cibo, mangimi e fibre”, la Coldiretti dettaglia i passi indietro fatti dall’agricoltura nel nostro Paese.

«L’ultima generazione è responsabile della perdita in Italia di oltre ¼ della terra coltivata (-28%) per colpa della cementificazione e dell’abbandono provocati da un modello di sviluppo sbagliato che ha ridotto la superficie agricola utilizzabile in Italia negli ultimi 25 anni ad appena 12,8 milioni di ettari».

Riconoscere il ruolo ambientale, sociale, culturale ed economico dei contadini

Fotovoltaico

Per proteggere la terra e i cittadini che vi vivono – continua la Coldiretti – l’Italia è chiamata a difendere il proprio patrimonio agricolo e la propria disponibilità di terra fertile con un adeguato riconoscimento sociale, culturale ed economico del ruolo dell’attività agricola. Su un territorio meno ricco e più fragile per il consumo di suolo si abbattono – sottolinea la Coldiretti – i cambiamenti climatici con una decisa tendenza al surriscaldamento con il moltiplicarsi di eventi estremi con manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal maltempo alla siccità che compromettono le coltivazioni nei campi con costi per oltre 14 miliardi di euro in un decennio, tra perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne.

«In un Paese comunque piovoso come l’Italia che per carenze infrastrutturali trattiene solo l’11% dell’acqua, occorre un cambio di passo nell’attività di prevenzione – dichiara il presidente della Coldiretti Ettore PrandiniBisogna evitare di dover costantemente rincorrere l’emergenza con interventi strutturali. Per lo sviluppo sostenibile del Paese come Coldiretti abbiamo ideato ed ingegnerizzato e poi condiviso con Anbi, Terna, Enel, Eni e Cassa Depositi e Prestiti la messa in cantiere di una rete di circa mille laghetti nelle zone di media montagna da utilizzare per la raccolta dell’acqua da distribuire in modo razionale in primis ai cittadini, quindi all’industria e all’agricoltura».


Sosteniamo l’importanza della terra, del cibo e del ruolo primario di contadini e allevatori:
https://bioslow.tuttelestradeportanoaroma.it

la valutazione della redazione
le valutazioni dei lettori
[totale: 1 media: 5]

Esplora

Prima & dopo

Rapporto ISPRA SNPA: il consumo di suolo in Italia 2020

Persi altri 57 km² di territorio nazionale al ritmo, confermato, di 2 m² al secondo. In Italia si nasce già con...

La Danimarca ha deciso: passerà al 100% di agricoltura biologica

La Danimarca, 5 milioni e mezzo di anime, non contenta dei suoi record di energia rinnovabili si è posta un nuovo obiettivo:...

Un viaggio di scoperta

Potrebbero interessarti

Cinque anni dopo la Laudato si’, in cammino per la cura della casa comune

“In cammino per la cura della casa comune” è il nuovo documento della Santa Sede per la promozione di una ecologia...

Ecosia: tu cerchi su internet e loro piantano alberi

Riforestare il pianeta semplicemente facendo ricerche su internet. Non è un’utopia, ma la realtà a cui contribuisce chi - invece di Google...

L’agricoltura civica funziona. E batte coronavirus e modello intensivo

Cosa ci vuole per uscire dalla crisi economica e sociale che l’emergenza sanitaria da Covid-19 sta imponendo? Una buona agricoltura multifunzionale,...