A scuola di restanza: contro lo spopolamento delle aree interne e dei piccoli paesi del Sud

Nasce in Salento un movimento culturale per fermare lo spopolamento dei borghi. Una "scuola per restare al Sud", che ha l'obiettivo di coinvolgere organizzazioni, docenti, cittadini e istituzioni per ridare spazio vitale ai borghi fantasma, vittime dell'emigrazione "forzata" delle fasce più giovani.

Il tempo stimato per la lettura di questo articolo è 4 minuti

Da decenni l’Italia è vittima del calo demografico e dello spopolamento per abbandono volontario o forzato da parte dei suoi abitanti. Ma è in atto anche una migrazione interna che, come una bussola, è pressoché unidirezionale e riguarda uno spostamento massivo di cittadini dalle regioni del Sud a quelle del Nord Italia.

Piccoli borghi dell'Appennino

Interi paesi sono diventati – o stanno diventando – borghi fantasma, mentre le città medio-grandi si apprestano a diventare metropoli prive di spazio vitale. È dunque fondamentale preservare il patrimonio culturale e naturale dei piccoli centri, per tutelarne la produzione agricola, culturale ed enogastronomica: per salvaguardarne le connotazioni identitarie.

A partire da queste osservazioni, l’antropologo calabrese Vito Teti ha coniato il concetto di “restanza”, un rimando alle parole “erranza” e “lontananza”. Non pigrizia, né per così dire “resistenza passiva” o tantomeno rassegnata: bensì un atteggiamento attivo e propositivo, da praticare nella quotidianità: lavorando a una ridefinizione continua dell’ambiente, recuperando e rigenerando il paesaggio in relazione alla presenza dell’uomo, in piena armonia.

I paesi rappresentano una grande risorsa e una grande opportunità

Piccoli borghi del Sud

Non sono un residuato del passato o un’eredità di un “piccolo mondo antico” avulso dal presente. Anzi, i piccoli comuni possono essere un luogo dove si possono sperimentare politiche innovative dal punto di vista civico, sociale ed economico, dove si possono costruire nuove relazioni con i luoghi e le comunità, dove si può (e si deve) parlare di futuro.

Di sicuro il futuro dell’umanità sarà ancora costituito da cammini e spostamenti. L’etica della restanza non promette una rivoluzione, ma indica la strada per costruire avamposti contro l’impoverimento culturale e per erigere zone di accoglienza verticale e orizzontale – caminetti o luoghi di ristoro – da offrire ai viandanti: indica la strada per creare rete, scambio di saperi, cor.rispondenze e quindi arricchimento.

Daìmon: A scuola per restare

A scuola per restare

Prende il via “Daìmon: A scuola per restare”. Daìmon, dal lessico del sentire greco, era lo spirito guida che accompagnava gli eroi a compiere il loro destino, a realizzare pienamente la loro individualità, il loro essere eccezione; nel caso di Antigone era Filía: Amore.

Daìmon era ed è il nostro demone: lo sguardo interiore che porta al riconoscimento; viatico e volano per la realizzazione della nostra pienezza. I segni di daìmon poi sono gli stessi che definiscono (con l’aggiunta di una congiunzione) la parola diaméno, che in greco classico significa restare“, spiega Gianluca Palma, ideatore della scuola.

Una scuola che non terminerà mai: itinerante, multidisciplinare, inclusiva, gratuita e accessibile a grandi e piccini; senza porte e finestre, senza pagelle e attestati, senza compiti e calendari da rispettare; con luoghi di apprendimento disseminati nei campi, nelle cantine e nelle botteghe, diffusa nei paesi e nei paesaggi d’Italia. Una scuola adatta a chi vorrà abitare poeticamente e civicamente i propri territori e a chi vorrà conferire pienezza al proprio re-stare.

Praticheremo l’arte socratica della maieutica, ovvero impareremo a ‘partorire’, grazie agli stimoli – dote in senso lato – degli incontri, risposte, strumenti e soluzioni che ci appartengono ma che abbiamo disarmato. Impareremo a ri-scoprire i nostri luoghi madre, a stimolare e supportare gli enti pubblici e privati locali e internazionali; ci sensibilizzeremo alla cittadinanza attiva glocale; ci dis-educheremo all’abbandono e impareremo l’arte della cura: delle radici e dei fiori“.

Proprio per questo la scuola non chiede una quota di partecipazione ma propone un baratto in saperi, manufatti, tempo, ospitalità, prodotti o edificanti segreti per una restanza felice. Per maggiori informazioni, segui l’Associazione di promozione sociale La scatola di latta.


Per seguire il video incontro su piattaforma zoom, richiedi il link inviando una mail a scatoladilatta2014@gmail.com

la valutazione della redazione
le valutazioni dei lettori
[totale: media: ]

Prima & dopo

Riaprire i musei per far respirare la bellezza

La riapertura dei musei costringe a ripensarli. Occorre che la loro bellezza non diventi prigioniera, ma si diffonda per contagio. Devono...

Come ripartire da una cultura che progetti davvero futuro

Umanistica, ma anche scientifica, sempre in dialogo reciproco. E soprattutto non un patrimonio del passato. Riaperture, appelli, richieste...

Un viaggio di scoperta

Potrebbero interessarti

Rallenta, riduci, taglia: anche il mondo della moda punta sulla sostenibilità

Ci voleva una catastrofe sanitaria con blocco di ogni attività per convincere il gotha modaiolo della necessità impellente di una riforma...

Turismo post Covid: il Bel Paese riparte dalle sue «piccole patrie»

L'intuizione di Adriano Olivetti resiste al tempo e ci aiuta a individuare delle traiettorie per il futuro anche in questo tempo...

Il turismo post Covid-19? Con un calice di vino in mano

Di prossimità, sostenibile, all'aria aperta, accessibile economicamente: l’enoturismo ha tutte le caratteristiche per essere uno dei motori della ripartenza.