Del capitale inagito (doc04.17)

La cultura è sì un patrimonio intangibile che viene dal passato, ma si nutre di una propensione alla partecipazione tutta presente: per produrre valore, deve essere inserita in contesti vivi e pulsanti.

Il tempo stimato per la lettura di questo articolo è < 1 minuto

Il patrimonio culturale, allo stesso modo di quello naturale, è contraddistinto da risorse limitate, il cui uso deve essere razionale e pertanto assume lo status di “bene comune”, generalmente offerto in un contesto non di mercato. Ciò significa che non esiste un indicatore diretto di valore, simile al prezzo, che consenta di stabilire cosa si è disposti a sacrificare per acquisire un’unità di risorsa. Come provare a ragionare di “valorizzazione” senza cadere nelle trappole che già conosciamo?

Del capitale inagito

SCARICA IL PDF

Invia il link per il download a:

la valutazione della redazione
le valutazioni dei lettori
[totale: media: ]

Prima & dopo

Riaprire i musei per far respirare la bellezza

La riapertura dei musei costringe a ripensarli. Occorre che la loro bellezza non diventi prigioniera, ma si diffonda per contagio. Devono...

Come ripartire da una cultura che progetti davvero futuro

Umanistica, ma anche scientifica, sempre in dialogo reciproco. E soprattutto non un patrimonio del passato. Riaperture, appelli, richieste...

Un viaggio di scoperta

Potrebbero interessarti

Perché chi si occupa oggi di futuro deve guardare al contributo di Olivetti?

La risposta a questa domanda è, al tempo stesso, semplice e complessa. Sicuramente dobbiamo riscoprire il pensiero, la densa riflessione di...

Dell’economia della bellezza (doc01.17)

Non ci sono ricette magiche né soluzioni pronte per affermare un'economia della bellezza ma è necessario immaginare un percorso. Ripartendo dalla consapevolezza...

10 parole da condividere (doc02.17)

Esiste una economia della bellezza. Ne siamo certi, anche se le condizioni affinché si realizzinonel Bel Paese possono talvolta apparire utopistiche. Occorre...