Laboratori di economia della bellezza (doc07.17)

Valorizzare la bellezza fa parte di una missione che non può essere abdicata o delegata. Per questo nascono dal basso, in modalità diffusa, nuovi modelli di partecipazione attiva.

Il tempo stimato per la lettura di questo articolo è < 1 minuto

C’è chi opera con la matita in mano, chi sceglie i materiali, chi innova attraverso le tecnologie, chi fa ricerca, chi fa impresa e avverte il dovere di tradurre i pensieri in opere, portandole ai mercati.
Per questo nascono in tante località i laboratori dell’economia della bellezza: opifici virtuosi che sanno ascoltare i territori e le comunità locali, sanno apprendere dalla propria storia e sanno riconoscere il valore dei patrimoni – anche quando “immateriali” – per guardare la realtà con occhi nuovi, stimolare nuove narrazioni, creare valore contemporaneo e assicurarne la trasmissione agli italiani di domani.

Accessibilità universale

SCARICA IL PDF

Invia il link per il download a:

la valutazione della redazione
le valutazioni dei lettori
[totale: 0 media: 0]

Esplora

Prima & dopo

Un viaggio di scoperta

Potrebbero interessarti