Cultura: un promemoria di Salvatore Settis al governo che verrà

Salvatore Settis indica una "ricetta" al governo che verrà: un grande progetto nazionale per la cultura, a ripartire dalla scuola, trovando le risorse combattendo seriamente l’evasione fiscale.

Il tempo stimato per la lettura di questo articolo è 2 minuti

Le elezioni sono domani e – sul fronte cultura – nessuno dei partiti dà indizi di averci mai pensato seriamente. Pertanto ogni speranza per il 2018 vale più o meno come una lettera a Babbo Natale.

Un breve memo di Salvatore Settis in 5 punti

Salvatore Settis

Primo punto, attuare la Costituzione (artt. 9, 21, 33, 34) integrando scuola, ricerca, università, tutela del patrimonio culturale e dei paesaggi in un progetto finalizzato alla “pari dignità sociale” dei cittadini (art. 3). Ergo, intendere la spesa pubblica su questi fronti come un investimento e non uno spreco: che vuol dire raddoppiare i fondi ai ministeri-chiave e garantire immediate, massicce assunzioni per merito.

Secondo, fondere i ministeri dell’Ambiente e dei Beni culturali, ripensando radicalmente la burocratica riforma Franceschini alla luce dell’unità e contestualità fra patrimonio e territorio.

Terzo, riportare il merito e l’autonomia al centro delle politiche universitarie oggi soffocate da mortificanti e perseveranti tagli di bilancio.

Quarto, ridare alla scuola la funzione primaria di formazione di cittadini consapevoli, e non di “competenti” esecutori.

Infine lanciare un grande progetto nazionale su questi temi e, su tale base, trovare le risorse riducendo subito l’enorme evasione fiscale (la terza al mondo dopo Messico e Turchia).

Il prossimo inquilino di Palazzo Chigi troverà un’ora per pensarci su?

la valutazione della redazione
le valutazioni dei lettori
[totale: 0 media: 0]

Esplora

Prima & dopo

L’ora del turismo lento: 24mila progetti in corso in tutta Italia

Il nuovo focus Turismo-Cultura-Natura prevede finanziamenti per oltre 4 miliardi per il settore turistico, 7,6 per quello culturale e 2 per...

Ecosia: tu cerchi su internet e loro piantano alberi

Riforestare il pianeta semplicemente facendo ricerche su internet. Non è un’utopia, ma la realtà a cui contribuisce chi - invece di Google...

Un viaggio di scoperta

Potrebbero interessarti

La bellezza prima di tutto. Il resto viene dopo

Il teologo brasiliano Leonardo Boff, uno dei padri della teologia della liberazione - tra gli ispiratori dell’enciclica Laudato si' - nel...

10 pensieri di Adriano Olivetti che costruiscono futuro

1. «Un sogno sembra un sogno fino a quando non si comincia a lavorarci. E allora può diventare qualcosa di infinitamente più...

Cucinelli: «Non temete il futuro, siate per bene e passeggiate nei boschi»

Per ascoltare Brunello Cucinelli all’auditorium del Mudec non colpiva tanto la quantità di persone, quanto la percentuale di giovani e giovanissimi:...